Oltre un agrume c’è di più

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Nel 2017 la produzione mondiali di fibre tessili ha raggiunto 100 milioni di tonnellate ed è previsto che nel 2025 verranno raggiunte le 125 milioni di tonnellate e questo avrà pesanti ripercussioni sull’ambiente. 

È necessario quindi cambiare rotta. Oltre 94 brand hanno infatti aderito al Global Fashion Agenda, un’iniziativa internazionale per la promozione della moda sostenibile all’interno della filiera.

Orange Fiber è un progetto Made in Sicily, nato a Catania nel 2014 dall’idea di due ragazze, Adriana Santanocito ed Erica Arena. 

Si tratta di una fibra tessile naturale derivante dallo scarto di lavorazione degli agrumi, un vero e proprio esempio di Economia Circolare. Si stima che in Italia ogni anno vengono prodotte circa 700 mila tonnellate di “pastazzo”, cioè quello che resta dopo la spremitura. 

Nel 2015 è stato installato il primo impianto pilota in Sicilia. Il processo produttivo consiste nell’estrarre la cellulosa dagli scarti della produzione di spremute, succhi di arance e altri agrumi; successivamente dalla cellulosa viene estratta la fibra, la quale poi viene avviata a un processo di filatura in modo da formare il tessuto. Si pensi che il 60% del peso iniziale del frutto lavorato viene smaltito, mentre grazie al progetto Orange Fiber questo viene recuperato e diventa alimentazione della cellulosa per la produzione della fibra.

Il brevetto è stato esteso nei principali paesi produttori di succhi di agrumi; attualmente la fibra, grazie alle sue caratteristiche simile alla seta, viene utilizzata in diversi brand.

La prima a credere nel progetto e ad utilizzare Orange Fiber è stata la casa di moda italiana Salvatore Ferragamo per le lussuose collezioni di abbigliamento da donna. Nel 2016 sono stati infatti prodotti per il brand italiano più di 10.000 metri quadri di tessuto Orange Fiber. Nel 2019 anche H&M ha scelto Orange Fiber e così la fibra naturale viene utilizzata per la sua Conscious Collection

La società austriaca Lenzing, leader mondiale nel settore dei filati e specializzata nella produzione di fibre speciali a base di legno, nel 2021 ha iniziato un’importante collaborazione con Orange Fiber. Dall’iniziativa è nata TENCEL, una fibra composta da polpa di arancia e legno, un prodotto Limited Edition del tutto eco-sostenibile e che utilizza materie prime non convenzionali.

Orange Fiber è presente anche in TECLA, la prima casa ecosostenibile stampata in 3D. La fibra derivante dagli agrumi è stata scelta per la realizzazione dei guanciali e il coprimaterasso della zona notte. Un vero e proprio network di conoscenza, esperienza e innovazione.

Orange Fiber lega moda, sostenibilità e tecnologia in un processo virtuoso che punta alla perfezione.