Online il regolamento del concorso “Migliore etichetta Buona Pratica 2021”

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

E’ possibile integrare il paradigma della giustizia sociale con quello della giustizia ambientale? 

È la domanda che si sono posti donne e uomini, a cui hanno deciso di rispondere creando la Fondazione di Partecipazione delle Buone Pratiche. 

Si tratta di cittadin* consapevoli che il comune sentire di salvaguardia e tutela del patrimonio globale, inteso come cura e preservazione dell’esistente materiale e immateriale, possa essere generatore di futuro possibile. 

La Fondazione ha individuato dieci Manifesti: NATURA, CLIMA, ACQUA, SUOLO, ENERGIA, MATERIALI, RIFIUTI, UTILI, LAVORO e BENESSERE. Essi rappresentano aspetti della vita con cui ognuno di noi, consapevole o meno, crea una imprescindibile relazione. 

La Fondazione sostiene che ogni nostra azione potrebbe diventare una Buona Pratica da etichettare, una azione umana individuale o collettiva, un prodotto, un servizio o un progetto che contribuisca allo sviluppo sostenibile ambientale, sociale, culturale ed economico dell’umanità.

La Fondazione intende diffondere la propria iniziativa il più possibile e per farlo è stato scelto di lanciare un concorso a premi, una occasione per far conoscere i vantaggi di un modus operandi virtuoso o un incentivo a inventarsene uno e donarlo alla collettività. 

La partecipazione al concorso “Migliore etichetta buona pratica 2021” è gratuita e aperta a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia e a tutte le ditte, associazioni, imprese private o pubbliche aventi sede in Italia. 

l concorso si rivolge, dunque, a tutti i cittadini, come ad esempio commercianti che hanno deciso di adottare packaging plastic free, artigiani che realizzano oggetti riciclando materiali di scarto, enti che si impegnano nella tutela della biodiversità oppure cittadini che attuano un metodo semplice per recuperare cibo, acqua, ecc. 

E’ possibile partecipare dal 30 giugno al 10 ottobre 2021, in palio 600€ per la migliore Buona Pratica etichettata. La partecipazione è gratuita, l’unico impegno da parte dei partecipanti sarà quello di donare un monte ore discrezionale per disseminare ad altri la propria pratica. 

La Fondazione di Partecipazione delle Buone Pratiche con il Concorso intende: accrescere la consapevolezza, la sensibilità e la diffusione tra cittadini e aziende sulle tematiche ambientali e sociali attraverso la certificazione di buone pratiche; valorizzare le idee e la creatività dei cittadini e delle imprese, nell’ambito delle buone pratiche; fornire un aiuto concreto a coloro che si impegnano nella realizzazione e diffusione delle buone pratiche. 

Per saperne di più, visita il sito della Fondazione