Le Comunità Energetiche arrivano in Italia: la prima inaugurazione a Magliano Alpi

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Il 12 marzo 2021 a Magliano Alpi è stata inaugurata la prima Comunità Energetica Rinnovabile d’Italia. 

Magliano, piccolo comune di circa 2000 abitanti della provincia di Cuneo, il 4 dicembre scorso ha costituito la “Comunità Energetica Rinnovabile Energy City Hall”, associazione registrata all’Agenzia delle Entrate il 18 dicembre 2020.  

Ma cos’è una Comunità Energetica? Si tratta, in sostanza, di un’associazione tra produttori e consumatori di energia, finalizzata a soddisfare il proprio fabbisogno energetico attraverso la propria stessa produzione, realizzata mediante l’utilizzo di fonti rinnovabili. 

La strada è stata aperta dal decreto “Milleproroghe” del 2020, che ha consentito il recepimento anticipato, ancorché parziale, della direttiva 2018/2001/UE volta a promuovere l’uso di energia da fonti rinnovabili, con la quale è stata introdotta la definizione di Comunità Energetica Rinnovabile (CER) come entità giuridica. 

Il comune di Magliano si propone così come “territorio pilota” di un progetto avveniristico, basato sulla produzione e la condivisione di energia pulita, proveniente da impianti fotovoltaici collegati in rete. 

Grazie a un impianto fotovoltaico da 20 kWp installato sul tetto del municipio, il Comune condivide l’energia autoprodotta e non consumata, proponendosi come coordinatore della CER oltre che produttore e consumatore (prosumer). L’impianto alimenta una colonnina di ricarica EV, utilizzabile gratuitamente con la tessera sanitaria. Una seconda colonnina è collegata all’impianto sportivo comunale, sul cui tetto quest’anno verrà installato un nuovo impianto fotovoltaico grazie a cui verranno messi a disposizione altri 20 kWp. 

Oltre al Palazzo comunale, gli attuali membri della CER sono le utenze della biblioteca, della palestra e delle scuole, insieme ai quattro nuclei familiari che per primi hanno dato la loro adesione. 

I privati possono partecipare come produttori/consumatori se titolari di un impianto fotovoltaico costruito dopo l’1 marzo 2020 e collegato alla stessa cabina di trasformazione secondaria della zona di San Giuseppe.

Nel caso in cui non si disponga di alcun impianto, è possibile partecipare alla comunità come semplici consumatori. L’adesione al progetto comporta riduzione delle emissioni di CO2, risparmio sugli oneri di trasmissione, perché l’energia consumata in loco non va a gravare sulla rete di trasmissione,  e un incentivo riconosciuto dal Mise, quindi in sostanza una bolletta più leggera. 

L’idea alla base delle Comunità Energetiche prevede, dunque, che la realizzazione della transizione energetica e dello sviluppo sostenibile passino attraverso il maggior coinvolgimento e la maggior consapevolezza del cittadino nella creazione di valore attraverso modelli innovativi di produzione, consumo e gestione dell’energia. 

Fonti:  

Celestina Dominelli, “Inaugurata a Magliano Alpi la prima comunità energetica d’Italia”, 12 marzo 2021, Il Sole 24 Ore, https://www.ilsole24ore.com/art/inaugurata-magliano-alpi-prima-comunita-energetica-d-italia-ADMM5iPB 

http://www.comune.maglianoalpi.cn.it/Home/Pagine-del-Comune?ID=8417 

Daniela Patrucco, “Magliano Alpi, una nuova comunità energetica sotto l’albero di Natale”, 22 dicembre 2020, QualEnergia.it, https://www.qualenergia.it/articoli/magliano-alpi-nuova-comunita-energetica-sotto-albero-di-natale/?utm_source=linkedin&utm_medium=social&utm_campaign=ReviveOldPost