La Formula 1 si tinge di verde

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Alla vigilia della nuova stagione, arriva una decisione importante per la Formula 1: stop al monouso. 

Per tutti gli eventi del 2021 si punterà a eliminare totalmente la plastica monouso, verrà vietato infatti l’utilizzo di bottiglie in plastica monouso per l’intero staff della Formula 1. Le bottiglie verranno sostituite con borracce o bottiglie riutilizzabili grazie ai punti di ricarica installati nei paddock durante i Gran Premi.  

La svolta green si estende anche ai pass per l’ingresso ai paddock rilasciati al personale della F1, ai giornalisti e agli ospiti. Da quest’anno i pass verranno realizzati in PET riciclato, ottenuto da oltre 143.000 bottiglie di plastica usate.  

Una Formula 1 più “green” è un cambiamento importante, supportato anche dal campione Sebastian Vettel che si impegna da anni a ricercare soluzioni ecologiche e sostenibile per la F1. Lo scopo è arrivare ad avere un paddock senza plastica entro il 2025 e raggiungere l’obiettivo Net Zero Carbon entro il 2030. 

La F1 utilizzerà biocarburante

La strada verso la sostenibilità automobilistica non termina qui. La FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) ha pensato di consegnare ai produttori di propulsori di F1 un carburante sostenibile.  Si tratta di un carburante ottenuto da rifiuti organici e che sarà convalidato da test motoristici.  

La FIA aderisce all’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, l’impegno è diventare carbon-neutral nel giro di dieci anni. Secondo alcuni studi si stima che, ogni anno un mondiale automobilistico provoca l’emissione di oltre 255.000 tonnellate di CO2 in atmosfera. L’impegno, quindi, è avere una carbon footprint pari a zero. 

È importante abbandonare totalmente l’utilizzo dei combustibili fossili e viaggiare veloce sulla strada della sostenibilità, trovando soluzioni sempre più green e innovative.