Casa pulita = aria pulita?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Disinfettare tutte le superfici della casa e degli oggetti è importante. 

Questa è una frase che nell’ultimo anno abbiamo sentito molto spesso, soprattutto in seguito alla diffusione del Covid-19. C’è stata così una ricerca ossessiva delle marche migliori, di quelle che avessero scritto in etichetta igienizzante, disinfettante, elimina i microrganismi, i batteri, i virus, ecc., spray di mille tipi che eliminano gli odori e profumano l’ambiente di casa. 

Queste sostanze però sono dannose per l’uomo e per l’ambiente, ovviamente finiscono negli scarichi e senza ombra di dubbio contaminano le acque, ma non è solo in questo modo che contribuiscono all’inquinamento. 

Ad ogni spruzzo una parte del prodotto finisce sulla superficie da pulire, un’altra si nebulizza e si disperde nell’aria che respiriamo mentre un’ultima parte che sfugge al nostro respiro diretto finiscono per reagire con altre molecole già presenti nell’ambiente. 

Avete mai sentito parlare di particolato?

Sono minuscole particelle, liquide o solide, spesso inquinanti che fanno parte del pulviscolo atmosferico. È con queste che reagiscono le sostanze derivanti dai detersivi creando probabilmente molecole più tossiche e maggiormente persistenti nell’ambiente. 

Uno studio condotto dall’Università del Colorado Boulder ha rivelato che i detergenti per la casa contenenti sostanze chimiche derivanti da petrolio inquinano quanto le emissioni dei trasporti, se non di più. 

È facile comprendere che nonostante si possa avere tanta cura per la casa, rischiamo di vivere in un ambiente non sano: si parla di inquinamento indoor, molto sottovalutato e che già comprende tanti altri fattori presenti normalmente in una casa in grado di determinare l’inquinamento dell’aria.  

Esistono molte soluzioni, anche economiche, da considerare come alternative a questi prodotti. Attenzione: economico non vuol dire per forza scadente. Possiamo usare tante sostanze molto valide che hanno un’azione veramente efficace come, ad esempio, il Tea Tree Oil, che ha proprietà antibatteriche, antimicotiche e antiodoranti.  

Come facciamo ad essere sicuri che l’aria in casa sia davvero pulita senza farci ingannare dal buon profumo contenuto nei diversi prodotti? 

Oltre che aprire spesso le finestre per far arieggiare, se siamo fortunati e non ci troviamo ad abitare in prossimità di una strada molto trafficata, un’altra soluzione ce la fornisce Ikea© che, in collaborazione con diverse università, ha sviluppato una tenda super tecnologica antinquinamento. 

Questa particolare tenda, trattata con un minerale fotocatalitico, è in grado di catturare l’inquinamento e degradarlo in seguito all’esposizione della luce. Non è ancora in commercio ma questo funzionamento, simile a ciò che avviene con la fotosintesi, ci ricorda che avere delle piante adatte in casa ci può aiutare a mantenere l’aria pulita.