Avocado: The Green Gold

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Al giorno d’oggi, grazie alla globalizzazione nell’ambito food, all’aumento di diete che eliminano il consumo di derivati animali e soprattutto grazie alle miracolose proprietà che gli vengono attribuite, l’Avocado ha subito un enorme incremento di consumi.  

Secondo un rapporto pubblicato dall’Instituto Nacional de Investigaciones Forestales, Agricolas y Pecuarias, tra il 2001 e il 2010, la produzione in Messico – leader in questo campo – soprattutto nello stato del Michoacán (che copre il 36,5% della produzione mondiale di avocado) è triplicata, insieme alle esportazioni che sono cresciute di ben dieci volte. Inoltre, si stima che entro il 2030 la domanda aumenti del 50%.  

Questo forte incremento della domanda, però,  ha portato con sé danni a livello ambientale, sociale ed economico.  

Innanzitutto, vi è stata una completa riconversione di terreni inizialmente dedicati ad altre colture, uso di fitofarmaci e fertilizzanti per permetterne una coltivazione intensiva e un elevato disboscamento corrispondente alla perdita di circa 700 ettari l’anno. 

Un ulteriore problema è inerente all’enorme utilizzo d’acqua, poiché per produrne 1 kg servono intorno ai 2.000 litri d’acqua (con la stessa quantità di acqua ci si producono circa 2,5 kg di mele) mettendo ancor più in difficolta le riserve idriche dei cileni. 

Infatti, gli abitanti di questa zona hanno diritto a 50 litri di acqua al giorno per famiglia, che gli viene trasportata attraverso delle cisterne e riposta in vasche di plastica all’esterno delle abitazioni. 

A completare il tutto, vi è l’elevata quantità di emissioni dovute alle esportazioni, per farlo arrivare dal Sud America fino alle nostre tavole.  

Dal punto di vista economico, dato l’enorme giro d’affari (nel 2018 le esportazioni hanno avuto un risconto pari a 2.543 milioni di dollari, e si stima che nei prossimi 10 anni questo valore arrivi a toccare picchi intorno ai 4.700 milioni di dollari), il business degli avocado ha attirato l’attenzione di alcuni importanti “cartelli”, che costringono i piccoli agricoltori a pagare delle tangenti. 

È stato addirittura costruita un enorme statua a forma di Avocado alle porte della città di Tancìtaro, in segno dell’importanza che ha per queste piccole città, il cosiddetto “Oro Verde”. Oro, che però ha arricchito solamente le grandi multinazionali e i narcos.   

Infine, l’ultimo aspetto su cui, questo trend ha avuto un effetto non positivo, riguarda la vita sociale dei contadini. Questi ultimi, oltre ai problemi sopra citati, sono costretti a lavorare in condizioni disastrose, con ritmi ed orari che vanno oltre il consentito.  

Per ulteriori approfondimenti: https://www.gob.mx/cms/uploads/attachment/file/257067/Potencial-Aguacate.pdf