Mobilità urbana su due ruote

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La mobilità urbana sta cambiando ed è sempre più indirizzata alle due ruote. 

Ciò emerge dal quinto rapporto annuale dell’Osservatorio Focus2R, promosso da Legambiente e da ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori). Il report è dedicato esclusivamente a bicilette e ciclomotori e studia le politiche messe in atto nei comuni italiani capoluogo di provincia.  

I dati sono relativi al 2019: non si è tenuto presente dei cambiamenti dettati dall’emergenza covid-19, pertanto i dati 2020 non sono stati considerati. Gli stessi mostrano un crescente interesse degli italiani per i mezzi a due ruote e, parallelamente, che le amministrazioni comunali spesso non sono sulla stessa lunghezza d’onda. 

Per quanto riguarda le biciclette c’è stato un incremento nello sviluppo di piste ciclabili ma al contempo una leggera diminuzione dei servizi di bike sharing. In crescita la vendita di biciclette (+7%) ed e-bike (+13%). L’aspetto più preoccupante riguarda la sicurezza dei ciclisti: stando ai dati, l’8% delle vittime della strada del 2019 sono stati ciclisti.  

Parlando di moto e scooter emergono dati positivi sull’incremento dello sharing ma anche per i motociclisti la sicurezza rimane un punto dolente: la viabilità dedicata ai ciclomotori spesso non è presente nella pianificazione di viabilità urbana. Si registra intanto un aumento del 3% sulla vendita di ciclomotori a trazione elettrica. Inoltre un dato rilevante riguarda le ZTL: nel 40% delle città l’accesso alle ZTL è libero, mentre nel 37% dei casi gli accessi sono consentiti ai soli residenti e/o autorizzati. 

Fonte: “Osservatorio Focus2R”, 15 gennaio 2021, Legambiente e ACMA, https://www.legambiente.it/wp-content/uploads/2021/01/Presentazione-dati-Focus2R_2021.pdf