Etichettatura ambientale degli imballaggi

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Dal 26 settembre 2020 l’etichettatura degli imballaggi è diventata obbligatoria. A tale proposito per dare indicazioni sul tema e chiarire qualsiasi dubbio, CONAI ha redatto delle Linee Guida sull’etichettatura ambientale degli imballaggi. 

Le norme tecniche UNI obbligano i produttori di imballaggi ad etichettare opportunamente tutti gli imballaggi, in modo da supportare il consumatore finale e quindi dare informazioni chiare sullo smaltimento dei rifiuti. 

Oltre a diventare obbligatorio riportare l’etichetta ambientale sul packaging, è importante indicare la natura dei materiali degli imballaggi utilizzati. La norma prevede, inoltre, che questi siano muniti di apposita marcatura, che deve essere visibile e di facile lettura. Tutti gli imballaggi possono essere etichettati nella forma e nei modi che l’azienda ritiene più idonei ed efficaci.  

Quante volte ci è capitato di avere in mano un rifiuto e dire “ora dove lo getto?”. Con questa norma tecnica svanisce ogni dubbio per il consumatore. L’azienda produttrice, infatti, deve riportare sull’etichetta una dicitura chiara ed efficace, al fine di conferire il rifiuto nel contenitore idoneo. In questo modo si agevola la raccolta differenziata e anche il consumatore è spinto ad attuarla in modo corretto.  

Le Linee Guida preparate da CONAI sono consultabili e scaricabili dal loro sito. Dato il crescente interesse per il tema, CONAI ha anche istituito un tool online per l’etichettatura ambientale chiamato “e-tichetta”. Lo strumento ha l’obiettivo di guidare, passo dopo passo, le aziende a utilizzare e costruire l’etichettatura ambientale più idonea, corretta e conforme ai requisiti di legge richiesti. 

Dal tool si riesce a selezionare il tipo di imballaggio, se si tratta di un monomateriale o un multicomponente, si può indicare il materiale o la famiglia di materiali caratterizzanti il packaging esaminato. Il tool fornisce alla fine le informazioni e le indicazioni utili al consumatore per creare la propria etichettatura ambientale.