La calza sostenibile

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il giorno dell’Epifania è tradizione preparare la calza della Befana, ma anche in questo giorno si può rispettare l’ambiente utilizzando materiali “green”. 

È possibile impiegare materiali come il feltro prodotto tramite l’infeltrimento delle fibre di lana. È un materiale leggero, impermeabile ed è un ottimo isolante naturale. Il feltro in lana è un materiale ecologico e biodegradabile, che sfrutta le caratteristiche intrinseche della lana senza aggiungere alcun additivo chimico nella formulazione. 

Un’alternativa al feltro è la juta, una fibra tessile naturale di origine vegetale, 100% biodegradabile e riciclabile. Le fibre di juta sono composte da materiali derivanti da cellulosa e lignina. La juta viene ricavata dal fusto delle piante del genere Corchorus, le quali non necessitano di fertilizzanti e pesticidi. Da diversi studi si è evinto che le piante di juta puliscono l’aria, infatti si è visto che 1 ettaro di piante assorbono 15 ton di CO2

Un’idea innovativa potrebbe essere quella di creare una calza in nylon riciclato. È un materiale resistente, non soggetto al processo di biodegradazione, ma che può essere avviato al riciclo. I rifiuti in nylon possono essere recuperati e rigenerati dando loro una vita nuova, il nylon che si ottiene ha caratteristiche simile al nylon vergine.