La nutraceutica nell’Economia Circolare

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La nutraceutica nasce dalla fusione tra nutrizione e farmaceutica e si occupa di ricercare i principi attivi negli alimenti o in alcune piante che hanno delle proprietà fondamentali per la salute. 

Queste sostanze vengono concentrate in formulazioni farmaceutiche per poi essere integrate nella dieta come supplementi alimentari. 

Si può affermare che la nutraceutica contribuisce a ridurre l’inquinamento pensando in modo circolare, poiché ogni industria, nello sviluppare un prodotto finale, genera sempre grandi quantità di scarti i quali un tempo venivano chiamati rifiuti. Il termine corretto per definire questi scarti è materie prime secondarie in quanto questi possono avere ancora altri validi utilizzi anche in altri settori. 

Molto spesso questi principi attivi sono presenti in concentrazioni maggiori nella parte della pianta che non viene utilizzata come materia prima oppure in alcune parti del frutto che, per la produzione di alcuni alimenti, non viene anch’essa utilizzata, costituendone in questo modo lo scarto di produzione. 

Ecco che emerge il concetto dell’economia circolare, gli scarti di produzione industriali non si trovano più alla fine di una linea di produzione ma rappresentano un ulteriore stazione di partenza.